360

San Giovanni

Anno di costruzione Sconosciuta

IndirizzoVico San Giovanni, 19

Coordinate40.63022550000001,16.941176100000007


Chiesa

Chiesa di San Giovanni al Muricello
Vico San Giovanni, 19

Esterno

Il quartiere Muricello è uno degli agglomerati urbani più antichi della città, ed è naturalmente protetto dalla posizione quasi a picco sulla gravina, da cui è separato da un basso muretto a cui si deve il nome.

Solo dal XIX secolo la chiesa di S. Giovanni Battista assume questa denominazione, derivante da un antico beneficio al Santo per la gestione e cura dell’edificio sacro. Quella originaria si è persa nel tempo, sostituita da S. Maria La Pesola, S. Maria La Candelora per via di un altro beneficio e in ultimo da quella attuale.

La chiesa si affaccia su vico S. Giovanni ed è caratterizzata da un prospetto molto semplice, con frontone triangolare su cui svetta un campanile a vela coronato da una croce lapidea.

Nei pressi della chiesetta è presente una bella terrazza da cui osservare il panorama della gravina.

Interno

L’interno è costituito da una semplice aula rettangolare con volta a botte lunettata con archetti ogivali poggianti su peducci. In fondo è presente un tramezzo che divide la navata da un ambiente di servizio e al quale si appoggia l’altare in stucco marmorizzato.

A sinistra un portale cieco in carparo decorato con modanature e palmette.

Qualche anno fa la chiesa è stata restaurata e sono stati portare alla luce, sulla parete destra vicina all’altare, alcuni dipinti rappresentanti una Madonna con Bambino e Santi adoranti, probabilmente risalente al XVI secolo, una santa martire della quale restano gli occhi ed una mano che regge una palma, e un santo di cui resta solo la parte inferiore dell’abito. Uno sperone della roccia che costituiva il pavimento originario della chiesa è stato in parte lasciato a testimonianza e spiegazione dell’antico nome, in quanto Pesola in vernacolo starebbe a indicare una grosso masso.

La Madonna con Bambino, dipinto a fresco con finiture a secco, misura 110 cm per 160 cm e presenta i segni di picchiettatura tipici della preparazione alla sovrapposizione di un altro strato di intonaco e dell’aggressione dell’umidità. Si può concludere che la chiesa fosse quasi integralmente decorata da dipinti murali, con le immagini nuove sovrapposte a quelle più antiche deterioratesi a causa dell’umidità. Tuttavia l’esiguità delle rendite dei benefici non consentiva queste opere di rinnovo continuo, così si decise di optare per l’imbiancatura che ricopre ancora oggi la quasi totalità dei muri della chiesetta.

 

Ultimi tour aggiunti

1